PERIBIMBI.IT

Associazione Onlus a difesa dei diritti dei bambini

PERIBIMBI.IT

Associazione Onlus a difesa dei diritti dei bambini

PERIBIMBI.IT

Associazione Onlus a difesa dei diritti dei bambini

PERIBIMBI.IT

Associazione Onlus a difesa dei diritti dei bambini

PERIBIMBI.IT

Associazione Onlus a difesa dei diritti dei bambini

PERIBIMBI.IT

Associazione Onlus a difesa dei diritti dei bambini

PERIBIMBI.IT

Associazione Onlus a difesa dei diritti dei bambini

PERIBIMBI

LA NOSTRA MISSIONE

Peribimbi è un’associazione Onlus nata a Vignola (MO) nel 2010 e da allora impegnata nella difesa dei diritti dei bambini.

Demolire un palazzo, che puoi vedere e toccare, sarebbe molto più facile. Qui si tratta di abbattere un’illusione. L’Adhd, o ‘Attention deficit hyperactivity disorder’. Se la sono inventata un gruppo di medici americani, per alzata di mano. Un attimo prima non esisteva, subito dopo era nata una nuova malattia.

In Italia la chiamiamo ‘Disturbo da deficit di attenzione e iperattività’. Un’etichetta che, se sei un bambino, ti appiccicano addosso direttamente sui banchi di scuola, dove il braccio armato di chi vende la cura sono gli stessi insegnanti e le pistole test che sfiorano il ridicolo. Basta che il pargolo si muova un po’ troppo, che sia un po’ più vivace, o che ogni tanto si distragga, e lo infarciscono di pillole a base di metilfenidato, psicofarmaci, di fatto anfetamine, le stesse con cui negli anni ‘70 si sballavano intere comunità di tossicodipendenti. Le stesse che da anni, grazie ad effetti collaterali devastanti, mietono tra i ragazzini di tanti Paesi migliaia di vittime, suicidi compresi. Allora sì che questi bimbi, dopo, smettono di muoversi.

La nostra “missione”, appunto, è quella di estirpare sul nascere in Italia un’erbaccia come la ‘diagnosi’ dell’Adhd. Tra virgolette, ‘diagnosi’, perché è una parola che si usa per le patologie, quelle vere. E 25 anni dopo quell’alzata di mano, nessuno ha ancora fornito la minima prova medica o scientifica che l’Adhd esista come malattia.

Continuano a spuntare segnalazioni di chi, nelle nostre scuole, prova a vendere l’illusione, distribuendo volantini o infilando il discorso in piccoli comizi di classe camuffati da incontri educativi. Il traguardo – che non esclude affatto la possibilità di curare un bambino con veri problemi comportamentali diagnosticabili, ma punta a farlo solo attraverso uno specialista – è portare al maggior livello possibile la legislazione che vieta l’ingresso dei test per Adhd nelle scuole del nostro Paese. La politica non è del tutto sorda al problema, anzi: in seno a molti enti locali sono già fioriti numerosi documenti che affermano una netta contrarietà a certe pratiche pro-farmaco. Manca però, sul piano ministeriale e regionale, una normativa strutturata che le vieti espressamente una volta per tutte. Con qualche rara eccezione virtuosa, vedi il buon esempio della Regione Piemonte. L’unico modo per cambiare la cose, in meglio, è sensibilizzare. Rivendicando il diritto di un bambino di essere unico, avere il proprio carattere e pretendere il rispetto dei propri tempi per formarselo. Sbagliando, combinandone di tutti i colori, mettendo in difficoltà i genitori. Ma anche crescendo, distinguendosi dagli altri, coltivando i propri talenti e affrontando i propri difetti.

Non è un caso se nella nostra associazione ci sono tanti genitori: si vogliono difendere. Sono loro il bersaglio dei ‘venditori di Adhd’, quelli da abbindolare, perché sono loro che decidono. Ed è fin troppo banale vedere nella loro fretta quotidiana, nella loro necessità di avere soluzioni pronte e veloci, nella loro pigrizia genitoriale, l’humus ideale ad accogliere tentazioni da ‘una pillola e via’. Ma non c’è bisogno di strozzare la vivacità innata di un bambino per poterla governare. Basta accarezzarla nei punti giusti, accompagnandola nella giusta direzione e lasciandola sfogare nelle attività creative, nello sport, nel loro hobby preferito. Tutte cose che a un piccolo zombie imbottito di farmaci non vedrete mai fare.

Per un’infanzia libera dagli abusi destina il 5 x 1000 all’Associazione Onlus

IBAN: IT 15I0339512900CC0010003181

PROGETTI IN EVIDENZA

OBIETTIVO N.1

Cosa stiamo facendo noi? Stiamo informando i genitori, i nonni, gli insegnanti, i medici, gli psicologi, gli infermieri e tutto il pubblico con volantini e opuscoli su quanto sta avvenendo…

PROGETTI IN EVIDENZA

OBIETTIVO N.2

Nel 2014 abbiamo distribuito 16.108 volantini in 103 scuole nei comuni di Modena (Baggiovara, S.Damaso, Cognento), Formigine (Casinalbo, Magreta, Corlo, Colombaro), Bomporto (Solara, Sorbara), Ravarino, Bastiglia, Nonantola, Carpi (Fossoli, Cibeno…

TEAM

Loretta Galli
Associato Peribimbi.it Onlus
Cristina Simonini
Presidente Associazione Peribimbi.it Onlus
Alessandra Pesce
Associato Peribimbi.it Onlus
Maurizio Marchionni
Associato Peribimbi.it Onlus
Sandra Barbieri
Associato Peribimbi.it Onlus
Tiziana Pacchioni
Associato Peribimbi.it Onlus
Giovanni Mecati
Associato Peribimbi.it Onlus
Davide Dallari
Associato Peribimbi.it Onlus

I NOSTRI PROGETTI

PERIBIMBI.IT

Per un’infanzia libera dagli abusi

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.

Accetta la privacy